Xiǎo Chī lo steet food della Chinatown di Milano

0 Shares
0
0
0

La Chinatown di Milano tempio dello xiǎo chī, il cibo di strada cinese

Quante volte seduti al tavolo di un ristorante mandarino, avete commentato con gli amici che in Italia non si mangia la vera cucina cinese? Se però vi trovaste oggi a passeggiare nella Chinatown meneghina, lungo l’arteria di via Paolo Sarpi, scoprireste che finalmente le cose sono cambiate e anche molto. Da qualche tempo infatti sono spuntati come funghi una serie di localini specializzati in Xiǎo chī, quello snack food che viene venduto a ogni ora del giorno e della notte da Pechino a Shanghai e che ha trasformato questa zona di Milano in uno dei punti più vivaci e attrattivi per gli amanti del chinese food. Tutto è iniziato qualche anno fa, quando un nuovo gruppo di giovani imprenditori cinesi nati, cresciuti e spesso laureatisi in Italia, si sono resi conto che era giunto il momento di voltare pagina. Cancellati dai menù il pollo con le mandorle e rimossi i dragoni dalle vetrine dei loro locali, hanno rinunciato ai grandi saloni per proiettarsi sulla strada e sfornare una serie di piatti autentici, cucinati a vista sul momento, sotto gli occhi dei clienti. I primi a dare il via a questa rivoluzione culinaria sono stati la Ravioleria Sarpi, con l’introduzione dei ravioli guōtiē e shuijiao realizzati con soli ingredienti provenienti da aziende agricole italiane di pregio e Ramenamano con i suoi spaghetti Lanzhou lamian tirati a mano e lavorati in vetrina. Nel tentativo di replicare il successo di questi pionieri, si sono susseguite le aperture, che continuano senza sosta, anche in epoca Covid19. La Ravioleria Sarpi ha aperto un secondo corner con le crepes jianbing guozi, e gli hamburger rou jia mo di Xi’an; poi sono arrivati i panini farciti a vapore di BaoZi, le tigelle cinesi baijimo e gli spiedini di chuanr di Wan’z. Oggi a incuriosire sono le focacce shāobing al forno tandori jìnyún di Mr. Pie, i pancakes farciti di Guo Kui, e le sfoglie arrotolate di Beijing Traditional Roll. Per le zampe di gallina e le lingue d’anatra salmistrate di Collo d’Anatra, ci vorrà ancora del tempo. Per ora, solo clienti cinesi.

Ravioleria Sarpi, via P. Sarpi 27
Ramenamano, via P. Lomazzo 20
Mr. Pie, via P. Sarpi 36
BaoZi, via P. Sarpi 47
Wan’z, via P. Sarpi 38
Guo Kui, Via Canonica 71
Collo d’anatra, Via P. Sarpi 29
Beijing Traditional Roll, via P. Sarpi  29
Tang Gourmet, via P. Sarpi 17
I Sapori di Shanghai, via P. Sarpi 44

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.