Galanga, lo zenzero siamese

1 Shares
1
0
0

L’ origine della galanga
La galanga è originaria dell’Asia, si trova comunemente nell’Himalaya orientale dove cresce allo stato selvatico sin dai tempi antichi. Il rizoma fu introdotto in Europa nel IX secolo e fu diffuso attraverso le rotte commerciali nel sud-est asiatico attraverso la Via della Seta.
Oggi la galanga è coltivata in tutta l’Asia e nel sud-est asiatico tra cui India, Cina, Thailandia, Cambogia, Vietnam, Singapore, Malesia e Indonesia, ed è presente anche nel Pacifico meridionale.

Come acquistare la galanga

Descrizione e gusto
Botanicamente classificata come Alpinia officinarum, la galanga è il rizoma di un arbusto tropicale che appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae. Conosciuta anche come zenzero siamese o zenzero tailandese, ci sono due specie principali di galangal conosciute come greater galangal e lesser galangal, che variano per dimensioni, forma e gusto, ma entrambe le specie sono usate per insaporire i piatti. La galanga è stata utilizzata per le sue proprietà medicinali in Asia per migliaia di anni ed è prevalentemente usata per insaporire la cucina del sud-est asiatico. La galanga aggiunge un sapore caldo, dolce e pungente ai piatti, simile allo zenzero ma dal gusto più intenso.

Ecco come si presentano i tuberi di galanga

La forma della galanga
I rizomi di galanga variano notevolmente per dimensioni e forma e hanno un aspetto cilindrico e ramificato con molti germogli e protuberanze bulbose. La buccia semi-liscia è di colore chiaro marrone bronzato, con sfumature rosate quando il bulbo è giovane. E’ soda, dura ed è ricoperta da anelli di colore marrone più scuro. Sotto la buccia fibrosa, la polpa va dal giallo pallido all’avorio ed è densa e acquosa con un aroma speziato e floreale, balsamico. La galanga è croccante e ha un sapore pungente, terroso, legnoso e simile alla senape con sottili sfumature di agrumi.

I tuberi di galanga al naturale

Il valore nutrizionale della galanga
La galanga è ricca di fibre ed è considerata uno stimolante aromatico che possiede qualità toniche e antibatteriche che la rendono un ingrediente utile nei rimedi omeopatici. Il rizoma contiene anche olii essenziali, vitamina C, flavonoidi e ha proprietà antinfiammatorie e antibatteriche.

La galanga va tagliata a fettine

La galanga in cucina
La galanga è utilizzata principalmente nella cucina del sud-est asiatico, leggermente schiacciata o pestata come aromatica per aggiungere un sapore terroso e pungente. Il rizoma può essere tagliato a fette sottili e aggiunto alle patatine fritte, bollita nel curry, cotta nel satay, mescolata nella salsa di mele, leggermente saltata nelle insalate o usata per insaporire zuppe come il tom kha gai [ต้มข่าไก่], la zuppa di pollo e latte di cocco tailandese o il samlor kor ko [សម្លកកូរ], una zuppa di verdure cambogiana. Può essere utilizzata anche in stufati, riso e piatti di pasta.
La galanga viene spesso mescolata a piatti a base di pesce ed è anche comunemente servita come un herbal tea. Il rizoma può essere trovato fresco o in forma essiccata e in polvere e, una volta macinato, il sapore diventa più delicato ma più terroso. La radice di galanga si abbina bene a carni come pollame e pesce, crostacei, aglio, cipolle, tamarindo, peperoncini, lemongrass, peperoni e cipolle verdi.

Tom kha

Reperibilità e conservazione
Il rizoma si trova durante tutto il corso dell’anno, fresco si conserva per 1-2 settimane in frigorifero; macinato si conserva fino a un anno se conservato in un luogo fresco, asciutto e buio.

Tuberi di galanga essiccata

Curiosità sulla galanga
La galanga è spesso associata alla cucina asiatica, ma il suo rizoma un tempo era estremamente popolare in Europa durante il medioevo. Conosciuto come Galingale, il rizoma era favorito da Ildegarda di Bingen, una monaca benedettina tedesca che compose diverse opere sulla salute e sosteneva che la galanga riducesse l’alitosi, diminuisse le febbri e migliorasse i cuori deboli. La ricetta di galanga più popolare di Hildegard era un decotto di vino bianco che faceva bollire. Dopo il medioevo la galanga cadde in disgrazia in Europa e fu sostituita dallo zenzero, ma il rizoma è ancora talvolta usato come aromatica nell’Europa orientale. In Ucraina ad esempio viene fatta macerare in un liquore.

1 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.